Preoccupazione per l’aumento delle rette delle RSA

>
>
Preoccupazione per l’aumento delle rette delle RSA

CNA welfare esprime forte preoccupazione per gli aumenti delle rette dalle Rsa, per far fronte al caro-energia e agli altri costi di gestione.

Aumenti che non si possono permettere gli ospiti delle case di riposo e le rispettive famiglie –sottolinea il Direttore della CNA, Elisa Rodighiero- a causa di una situazione economica generale estremamente complessa, che si ripercuote per l’economia, le famiglie, gli anziani.

Consapevoli della situazione economica che stanno attraversando le RSA a causa dell’impennata dei costi fissi di gestione dovuti non solo al caro bollette ma anche ad altri fattori contingenti dopo il periodo complicato vissuto con la pandemia, occorre che lo Stato, e la Regione intervengono con più sostegni economici per il settore della residenzialità per anziani e per altre tipologie di assisti al fine di ammortizzare i pesanti costi di gestione e consentire di bloccare l’aumento delle rette.

Va detto che le strutture residenziali ospitano persone spesso non autosufficienti le quali nella maggior parte dei casi non possono essere ospitate nelle loro famiglie, vuoi perché non ci sono le condizioni ambientali o le disponibilità di cura, (ad esempio familiari che lavorano, oppure persone anziane che non sono in grado di accudire i loro cari), vuoi perché necessitano di assistenza specializzata e continua.

Ultime notizie

CNA welfare esprime forte preoccupazione per gli aumenti delle rette dalle Rsa, per far fronte al caro-energia e agli altri costi di gestione.

Aumenti che non si possono permettere gli ospiti delle case di riposo e le rispettive famiglie –sottolinea il Direttore della CNA, Elisa Rodighiero- a causa di una situazione economica generale estremamente complessa, che si ripercuote per l’economia, le famiglie, gli anziani.

Consapevoli della situazione economica che stanno attraversando le RSA a causa dell’impennata dei costi fissi di gestione dovuti non solo al caro bollette ma anche ad altri fattori contingenti dopo il periodo complicato vissuto con la pandemia, occorre che lo Stato, e la Regione intervengono con più sostegni economici per il settore della residenzialità per anziani e per altre tipologie di assisti al fine di ammortizzare i pesanti costi di gestione e consentire di bloccare l’aumento delle rette.

Va detto che le strutture residenziali ospitano persone spesso non autosufficienti le quali nella maggior parte dei casi non possono essere ospitate nelle loro famiglie, vuoi perché non ci sono le condizioni ambientali o le disponibilità di cura, (ad esempio familiari che lavorano, oppure persone anziane che non sono in grado di accudire i loro cari), vuoi perché necessitano di assistenza specializzata e continua.