RIPRENDE LA CAMPAGNA DEI PANIFICATORI DELLA CNA:” IL VERO PANE FRESCO ARTIGIANALE LO TROVI OGNI GIORNO DAL TUO FORNAIO” PER LA TUTELA DEI CONSUMATORI

>
>
>
RIPRENDE LA CAMPAGNA DEI PANIFICATORI DELLA CNA:” IL VERO PANE FRESCO ARTIGIANALE LO TROVI OGNI GIORNO DAL TUO FORNAIO” PER LA TUTELA DEI CONSUMATORI

Dopo la  pausa  estiva riprende  la campagna del Sindacato provinciale panificatori artigiani della CNA  rivolta ai consumatori  denominata   “Il vero  pane fresco artigianale lo trovi  ogni giorno dal tuo fornaio .  L’ iniziativa sindacale  supportata da manifesti , vetrofanie da affiggere all’interno dei panifici  , ha trovato il consenso dei consumatori  e  si basa sul   decreto del Ministero dello sviluppo economico che disciplina la denominazione “panificio”, di “Pane fresco” e l’adozione del dicitura “Pane conservato”. La campagna di sensibilizzazione e di informazione dei panificatori artigiani si pone l’obiettivo primario sulla  trasparenza  e correttezza nei confronti del consumatore  finale   e della gloriosa  tradizione della  qualità del pane artigianale  nel contesto  di un commercio  di prodotti   contraffatti  a danno  delle nostre imprese artigiane dell’alimentazione che sono il fiore all’occhiello del Made in Italy.

Ultime notizie

Dopo la  pausa  estiva riprende  la campagna del Sindacato provinciale panificatori artigiani della CNA  rivolta ai consumatori  denominata   “Il vero  pane fresco artigianale lo trovi  ogni giorno dal tuo fornaio .  L’ iniziativa sindacale  supportata da manifesti , vetrofanie da affiggere all’interno dei panifici  , ha trovato il consenso dei consumatori  e  si basa sul   decreto del Ministero dello sviluppo economico che disciplina la denominazione “panificio”, di “Pane fresco” e l’adozione del dicitura “Pane conservato”. La campagna di sensibilizzazione e di informazione dei panificatori artigiani si pone l’obiettivo primario sulla  trasparenza  e correttezza nei confronti del consumatore  finale   e della gloriosa  tradizione della  qualità del pane artigianale  nel contesto  di un commercio  di prodotti   contraffatti  a danno  delle nostre imprese artigiane dell’alimentazione che sono il fiore all’occhiello del Made in Italy.