Prevenzione e contrasto all’evasione

>
>
>
Prevenzione e contrasto all’evasione

L’Agenzia delle Entrate pubblica le linee guida per il 2016

CNA informa le imprese che l’Agenzia delle Entrate illustra le linee guida strategiche per la prevenzione e il contrasto all’evasione al fine di orientare le attività di controllo degli uffici per l’anno 2016. In generale, l’attività dovrà essere finalizzata a un miglioramento qualitativo dei controlli e dovrà puntare a far emergere la reale capacità contributiva del contribuente, concentrando l’attenzione su concrete situazioni di rischio ed evitando di disperdere energie in contestazioni di natura puramente formali o di esiguo ammontare. Sono quindi delineati i principali ambiti di attività del 2016, che si riassumono di seguito: svolgimento della ordinaria attività, con inclusa la gestione delle richieste di voluntary disclosure; coordinamento con altri enti (Guardia di Finanza, INPS, INAIL, ecc.); contrasto ai fenomeni di frode e agli illeciti fiscali internazionali; implementazione dell’adempimento spontaneo; attuazione del programma di cooperative compliance con riferimento al comparto dei grandi contribuenti; attuazione dei nuovi accordi di ruling internazionale e gestione delle richieste di patent box.

Ultime notizie

L’Agenzia delle Entrate pubblica le linee guida per il 2016

CNA informa le imprese che l’Agenzia delle Entrate illustra le linee guida strategiche per la prevenzione e il contrasto all’evasione al fine di orientare le attività di controllo degli uffici per l’anno 2016. In generale, l’attività dovrà essere finalizzata a un miglioramento qualitativo dei controlli e dovrà puntare a far emergere la reale capacità contributiva del contribuente, concentrando l’attenzione su concrete situazioni di rischio ed evitando di disperdere energie in contestazioni di natura puramente formali o di esiguo ammontare. Sono quindi delineati i principali ambiti di attività del 2016, che si riassumono di seguito: svolgimento della ordinaria attività, con inclusa la gestione delle richieste di voluntary disclosure; coordinamento con altri enti (Guardia di Finanza, INPS, INAIL, ecc.); contrasto ai fenomeni di frode e agli illeciti fiscali internazionali; implementazione dell’adempimento spontaneo; attuazione del programma di cooperative compliance con riferimento al comparto dei grandi contribuenti; attuazione dei nuovi accordi di ruling internazionale e gestione delle richieste di patent box.