Cerca
Close this search box.

Pesante divario tra le pensioni medie di donne e uomini

>
>
Pesante divario tra le pensioni medie di donne e uomini

Cna  impresa  donna  denuncia  il divario  discriminante e  inaccettabile  tra gli importi  delle pensioni   medie di uomini e  donne . Per  gli uomini  l’assegno medio nel 2022   è  stato di  1.381 euro ,   per le donne  si ferma   a 976 euro al mese ,con  una differenza  sostanziale  di  circa  il  30 % .Il divario  si fa  ancora  più  pesante  per i dipendenti con gli uomini che, grazie a carriere più lunghe e a retribuzioni più alte, sono usciti in media con un assegno di vecchiaia quasi doppio delle donne (1.440 contro 754 euro) . Di quanto emerge dall’Osservatorio sui flussi di pensionamento dell’Inps  . Tutto ciò si traduce in una peggiore qualità della vita soprattutto per le donne anziane sole che non ricevono la reversibilità del marito o che non si sono mai sposate. Occorre raggiungere  una vera e propria uguaglianza di opportunità  tra uomini e donne . A tale scopo la Rodighiero  fa notare che  la Legge nazionale 162/2021 ha introdotto la certificazione della parità di genere, in materia di pari opportunità tra uomo e donna in ambito lavorativo.  La certificazione verrà rilasciata alle imprese che dimostreranno di aver adottato politiche e misure concrete per ridurre il divario di genere come le opportunità di crescita, la parità salariale e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro

Cna  impresa  donna  denuncia  il divario  discriminante e  inaccettabile  tra gli importi  delle pensioni   medie di uomini e  donne . Per  gli uomini  l’assegno medio nel 2022   è  stato di  1.381 euro ,   per le donne  si ferma   a 976 euro al mese ,con  una differenza  sostanziale  di  circa  il  30 % .Il divario  si fa  ancora  più  pesante  per i dipendenti con gli uomini che, grazie a carriere più lunghe e a retribuzioni più alte, sono usciti in media con un assegno di vecchiaia quasi doppio delle donne (1.440 contro 754 euro) . Di quanto emerge dall’Osservatorio sui flussi di pensionamento dell’Inps  . Tutto ciò si traduce in una peggiore qualità della vita soprattutto per le donne anziane sole che non ricevono la reversibilità del marito o che non si sono mai sposate. Occorre raggiungere  una vera e propria uguaglianza di opportunità  tra uomini e donne . A tale scopo la Rodighiero  fa notare che  la Legge nazionale 162/2021 ha introdotto la certificazione della parità di genere, in materia di pari opportunità tra uomo e donna in ambito lavorativo.  La certificazione verrà rilasciata alle imprese che dimostreranno di aver adottato politiche e misure concrete per ridurre il divario di genere come le opportunità di crescita, la parità salariale e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro