Cerca
Close this search box.

Patente a crediti nei cantieri: a che punto siamo e cosa c’è da sapere

>
>
>
Patente a crediti nei cantieri: a che punto siamo e cosa c’è da sapere

Spettabili aziende,

in seguito al webinar dell’11 giugno 2024 durante il quale abbiamo illustrato i contenuti della nuova normativa, estendiamo a tutte le imprese interessate la presente informativa sul nuovo sistema “Patente a crediti” per i cantieri.

SINTESI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI

La Legge 29 aprile 2024, n. 56 ha convertito in legge, con modificazioni, il Decreto-legge del 2 marzo 2024, n. 19, apportando sostanziali modifiche agli artt. 27, 90 e 157 del D.Lgs. 81/2008 in merito alle imprese ed ai lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili.


Dal 1 ottobre 2024 bisognerà essere in possesso della patente a crediti, per poter continuare la propria attività lavorativa.

Dovrà essere richiesta alla competente sede territoriale all’Ispettorato Nazionale del Lavoro, che la rilascia (in formato digitale) solo se in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione alla camera di commercio industria e artigianato;
  • adempimento degli obblighi formativi da parte del Datore di lavoro, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori dell’impresa, dei lavoratori autonomi e dei prestatori di lavoro ;
  • possesso del Documento unico di regolarità contributiva in corso di validità (DURC);
    possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), nei casi previsti dalla normativa vigente;
  • possesso del Documento unico di regolarità fiscale (DURF);
  • avvenuta designazione del RSPP, nei casi previsti dalla normativa vigente.

Il possesso di questi requisiti sarà autocertificato secondo il DPR n. 445/2000.
Nel caso di falsa dichiarazione in merito alla sussistenza di uno o più requisiti, accertata a seguito di controllo successivo al rilascio, la patente verrà revocata per una durata di 12 mesi, al termine dei quali l’impresa o il lavoratore autonomo potrà richiedere che gli venga rilasciata una nuova patente.

Punteggio iniziale e decurtazione dei crediti

La patente viene rilasciata con un punteggio iniziale di 30 crediti, incrementati di 1 credito per ciascun anno successivo al secondo, sino ad un massimo di 10 crediti, qualora l’impresa o il lavoratore autonomo non siano stati destinatari di atti o provvedimenti sanzionatori.

I crediti verranno sottratti in seguito agli accertamenti e conseguenti provvedimenti presi nei confronti del datore di lavoro o lavoratore autonomo, dirigenti e preposti.

Le decurtazioni seguiranno le indicazioni riportate nell’Allegato I-bis, che riporta i casi e relativi credici sottratti.

Se nell’ambito del medesimo accertamento ispettivo saranno contestate più violazioni tra quelle indicate nell’Allegato I-bis, i crediti saranno decurtati in misura non eccedente il doppio di quella prevista per la violazione più grave.

La patente potrà essere sospesa fino ad un massimo di un anno.

Punteggio minimo: 15 

Per poter svolgere la propria attività lavorativa bisognerà essere in possesso di un minimo di 15 crediti ad esclusione dei lavori di completamento dell’appalto o subappalto già in corso al momento dell’ultima decurtazione dei crediti. quando i lavori eseguiti sono superiori al 30% del valore del contratto.

Sanzioni

Coloro che risulteranno privi della patente o in possesso di una patente con un punteggio inferiore a 15 crediti saranno soggetti ad una sanzione amministrativa pari al 10% del valore dei lavori e, comunque, non inferiore a 6.000 euro ed all’esclusione dalla partecipazione ai lavori pubblici.

Chi è esonerato

Non saranno  tenute al possesso della patente:

– le imprese con attestazione SOA (Società Organismi di Attestazione), in classifica pari o superiore alla III (> 1.033.000 euro) di cui all’art. 100 comma 4 del D. Lgs. n. 36/2023

– le imprese che effettuano mere forniture o prestazioni di natura intellettuale.

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori (art. 90 D.Lgs 81/08)
Spetta a tali figure la verifica del possesso della patente a crediti nei confronti delle imprese esecutrici o dei lavoratori autonomi, anche nei casi di subappalto.

Come recuperare i crediti?
È prevista la reintegra dei crediti con modalità ancora da definite.

Per ulteriori chiarimenti bisognerà aspettare che vengano emanati i Decreti Attuativi, vi terremo costantemente aggiornati con webinar e informative.

Nel frattempo, non facciamoci trovare impreparati! 

CNA Mantova è sempre a disposizione per un CHECK UP GRATUITO sugli adempimenti sicurezza della tua azienda

Scarica le slide

Scarica la tabella di decurtazione punti

Contattaci:

 Ufficio Sicurezza CNA Mantova

☎️ 0376 31791240
📧 [email protected]

Spettabili aziende,

in seguito al webinar dell’11 giugno 2024 durante il quale abbiamo illustrato i contenuti della nuova normativa, estendiamo a tutte le imprese interessate la presente informativa sul nuovo sistema “Patente a crediti” per i cantieri.

SINTESI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI

La Legge 29 aprile 2024, n. 56 ha convertito in legge, con modificazioni, il Decreto-legge del 2 marzo 2024, n. 19, apportando sostanziali modifiche agli artt. 27, 90 e 157 del D.Lgs. 81/2008 in merito alle imprese ed ai lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili.


Dal 1 ottobre 2024 bisognerà essere in possesso della patente a crediti, per poter continuare la propria attività lavorativa.

Dovrà essere richiesta alla competente sede territoriale all’Ispettorato Nazionale del Lavoro, che la rilascia (in formato digitale) solo se in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione alla camera di commercio industria e artigianato;
  • adempimento degli obblighi formativi da parte del Datore di lavoro, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori dell’impresa, dei lavoratori autonomi e dei prestatori di lavoro ;
  • possesso del Documento unico di regolarità contributiva in corso di validità (DURC);
    possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), nei casi previsti dalla normativa vigente;
  • possesso del Documento unico di regolarità fiscale (DURF);
  • avvenuta designazione del RSPP, nei casi previsti dalla normativa vigente.

Il possesso di questi requisiti sarà autocertificato secondo il DPR n. 445/2000.
Nel caso di falsa dichiarazione in merito alla sussistenza di uno o più requisiti, accertata a seguito di controllo successivo al rilascio, la patente verrà revocata per una durata di 12 mesi, al termine dei quali l’impresa o il lavoratore autonomo potrà richiedere che gli venga rilasciata una nuova patente.

Punteggio iniziale e decurtazione dei crediti

La patente viene rilasciata con un punteggio iniziale di 30 crediti, incrementati di 1 credito per ciascun anno successivo al secondo, sino ad un massimo di 10 crediti, qualora l’impresa o il lavoratore autonomo non siano stati destinatari di atti o provvedimenti sanzionatori.

I crediti verranno sottratti in seguito agli accertamenti e conseguenti provvedimenti presi nei confronti del datore di lavoro o lavoratore autonomo, dirigenti e preposti.

Le decurtazioni seguiranno le indicazioni riportate nell’Allegato I-bis, che riporta i casi e relativi credici sottratti.

Se nell’ambito del medesimo accertamento ispettivo saranno contestate più violazioni tra quelle indicate nell’Allegato I-bis, i crediti saranno decurtati in misura non eccedente il doppio di quella prevista per la violazione più grave.

La patente potrà essere sospesa fino ad un massimo di un anno.

Punteggio minimo: 15 

Per poter svolgere la propria attività lavorativa bisognerà essere in possesso di un minimo di 15 crediti ad esclusione dei lavori di completamento dell’appalto o subappalto già in corso al momento dell’ultima decurtazione dei crediti. quando i lavori eseguiti sono superiori al 30% del valore del contratto.

Sanzioni

Coloro che risulteranno privi della patente o in possesso di una patente con un punteggio inferiore a 15 crediti saranno soggetti ad una sanzione amministrativa pari al 10% del valore dei lavori e, comunque, non inferiore a 6.000 euro ed all’esclusione dalla partecipazione ai lavori pubblici.

Chi è esonerato

Non saranno  tenute al possesso della patente:

– le imprese con attestazione SOA (Società Organismi di Attestazione), in classifica pari o superiore alla III (> 1.033.000 euro) di cui all’art. 100 comma 4 del D. Lgs. n. 36/2023

– le imprese che effettuano mere forniture o prestazioni di natura intellettuale.

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori (art. 90 D.Lgs 81/08)
Spetta a tali figure la verifica del possesso della patente a crediti nei confronti delle imprese esecutrici o dei lavoratori autonomi, anche nei casi di subappalto.

Come recuperare i crediti?
È prevista la reintegra dei crediti con modalità ancora da definite.

Per ulteriori chiarimenti bisognerà aspettare che vengano emanati i Decreti Attuativi, vi terremo costantemente aggiornati con webinar e informative.

Nel frattempo, non facciamoci trovare impreparati! 

CNA Mantova è sempre a disposizione per un CHECK UP GRATUITO sugli adempimenti sicurezza della tua azienda

Scarica le slide

Scarica la tabella di decurtazione punti

Contattaci:

 Ufficio Sicurezza CNA Mantova

☎️ 0376 31791240
📧 [email protected]