Cerca
Close this search box.

REVISIONI: urgente adeguamento delle tariffe

>
>
>
REVISIONI: urgente adeguamento delle tariffe

CNA ha scritto al ministro Graziano Delrio per segnalare il grave stato di disagio nel settore delle revisioni degli autoveicoli. Una situazione difficile per le officine autorizzate, che negli ultimi anni hanno affrontato importanti investimenti necessari per adeguare, o modificare, le attrezzature alle procedure previste dal nuovo protocollo di comunicazione MCTCNet2. Un problema antico e non più differibile. Le tariffe previste per le revisioni non sono mai state adeguate e sono ferme dal 2007. Il ministero si era impegnato a rivederle annualmente, sulla base dell’adeguamento Istat. Un impegno che è sempre stato disatteso. Non si capisce come mai un investimento sostenuto dalla Pubblica amministrazione debba essere ripagato attraverso un aumento tariffario mentre quello richiesto alle imprese debba essere autofinanziato, erodendo i margini di guadagno delle stesse. CNA chiede, quindi, al ministro un incontro urgente per individuare una soluzione tariffaria organica che consenta alle imprese la sostenibilità economica delle loro attività e la possibilità di continuare a garantire agli automobilisti un servizio di fondamentale importanza per la sicurezza stradale.

 

CNA ha scritto al ministro Graziano Delrio per segnalare il grave stato di disagio nel settore delle revisioni degli autoveicoli. Una situazione difficile per le officine autorizzate, che negli ultimi anni hanno affrontato importanti investimenti necessari per adeguare, o modificare, le attrezzature alle procedure previste dal nuovo protocollo di comunicazione MCTCNet2. Un problema antico e non più differibile. Le tariffe previste per le revisioni non sono mai state adeguate e sono ferme dal 2007. Il ministero si era impegnato a rivederle annualmente, sulla base dell’adeguamento Istat. Un impegno che è sempre stato disatteso. Non si capisce come mai un investimento sostenuto dalla Pubblica amministrazione debba essere ripagato attraverso un aumento tariffario mentre quello richiesto alle imprese debba essere autofinanziato, erodendo i margini di guadagno delle stesse. CNA chiede, quindi, al ministro un incontro urgente per individuare una soluzione tariffaria organica che consenta alle imprese la sostenibilità economica delle loro attività e la possibilità di continuare a garantire agli automobilisti un servizio di fondamentale importanza per la sicurezza stradale.